Mercoledì 24 Ottobre ore 20:45 in Oratorio a Casanova: incontro con Gruppo 1ª, 2ª e 3ª superiore


Venerdì 26 Ottobre ore 20:45 in Oratorio a Caversaccio: incontro di catechesi per i genitori dei bambini di 3ª elementare


Sabato 27 Ottobre dalle ore 18:00 Santa Messa e a seguire cena e incontro con gli ospiti della Casa Quattro Venti - in Oratorio a Caversaccio



Io sono la porta: se uno entra attraverso di me, sarà salvato; entrerà e uscirà e troverà pascolo. Il ladro non viene se non per rubare, uccidere e distruggere; io sono venuto perché abbiano la vita e l'abbiano in abbondanza.
(Gv 10,7-10)

 
Cristo è soglia spalancata che immette nella terra dell’amore leale, più forte della morte ..."chi entra attraverso di me, sarà salvato"; più forte di tutte le prigioni ... "entrerà e uscirà".

"Sono venuto perché abbiano la vita e l’abbiano in abbondanza": per me, una delle frasi più solari del Vangelo; è la frase della mia fede, quella che mi rigenera ogni volta che l’ascolto: sono venuto perché abbiate la vita piena, abbondante, gioiosa. Non solo la vita necessaria, non solo quel minimo senza il quale la vita non è vita, ma la vita esuberante, magnifica, eccessiva; vita che rompe gli argini e tracima e feconda, uno scialo di vita, che profuma di amore, di libertà e di coraggio.

Così è Dio: manna non per un giorno ma per quarant’anni nel deserto, pane per cinquemila persone, pelle di primavera per dieci lebbrosi, pietra rotolata via per Lazzaro, cento fratelli per chi ha lasciato la casa, perdono per settanta volte sette, vaso di nardo per 300 denari.

In una sola piccola parola è sintetizzato ciò che oppone Gesù a tutti gli altri, ciò che rende incompatibili il pastore e il ladro. La parola immensa e breve è «vita». Parola che pulsa sotto tutte le parole sacre, cuore del Vangelo, parola indimenticabile. Cristo non è venuto a pretendere ma ad offrire, non chiede niente, dona tutto.
Padre Ermes Ronchi
 

XI Sinodo Diocesano: Strumento per La Consultazione





XI Sinodo Diocesano: Peregrinatio Marie





Un Vangelo per l'anno: il Vangelo di Luca